vai al sito internet dell'Azienda Sanitaria 3 Genovese torna alla home page

Hcv Faq

  • Cos'è l'epatite C?
  • Quali sono i sintomi e il decorso dell'infezione da Hcv?
  • Come si trasmette il virus dell'epatite C?
  • Quali sono le complicanze dell'infezione da Hcv?
  • Esiste una cura per l'infezione da Hcv?
  • Come si svolge il test per Hcv?

Cos'è l'epatite C?

L'epatite C è una malattia infettiva del fegato causata da un virus a Rna (Hcv).

Quali sono i sintomi e il decorso dell'infezione da Hcv?

L'infezione spesso decorre in maniera asintomatica o presenta sintomi vaghi e aspecifici. La guarigione avviene in circa il 20% dei casi, ma in un'elevata percentuale di casi (circa 80-85%), l'infezione acuta può cronicizzare e trasformarsi in una patologia di lunga durata e/o condurre alla cirrosi, una condizione grave che può portare a sviluppare insufficienza epatica e tumore del fegato.

Come si trasmette il virus dell'epatite C?

Il virus dell'epatite C si trasmette venendo a contatto con il sangue di una persona infetta (ad esempio per scambio di siringhe per assunzione di droghe, utilizzo di strumentazioni mediche o estetiche non sterili, condivisione di oggetti per la cura personale come rasoi, spazzolini da denti e forbici per manicure, trasfusioni di sangue infetto - evenienza ormai rara in Italia e negli altri paesi sviluppati poiché le donazioni di sangue sono ad oggi controllate e sicure). Meno frequente è la trasmissione per via sessuale; tuttavia, il rischio è maggiore se si ha un'attività sessuale con più partner in quanto maggiore è la possibilità di contrarre malattie veneree le cui lesioni cutanee possono costituire una porta di ingresso o di uscita per il virus dell'epatite C. L'infezione si può anche trasmettere per via verticale da madre a figlio, in meno del 5% dei casi.

Quali sono le complicanze dell'infezione da Hcv?

La complicanza più frequente dell'infezione da Hcv è rappresentata dalla cronicizzazione dell'infezione acuta (circa 85% dei casi). Altre complicanze importanti sono la formazione di varici nell'esofago e nello stomaco, che rompendosi possono causare gravi emorragie, e l'accumulo di liquido nell'addome (ascite).
Inoltre, le sostanze tossiche che dovrebbero essere smaltite dal fegato possono essere riversate direttamente nel sangue e arrivare al cervello, determinando uno stato confusionale che può arrivare fino al coma (encefalopatia epatica). La complicanza in assoluto piĆ¹ grave dell'infezione cronica da Hcv è rappresentata dal carcinoma epatico (tumore del fegato) che colpisce ogni anno il 4-6% dei soggetti con cirrosi.

Esiste una cura per l'infezione da Hcv?

A oggi sono disponibili cure con farmaci che, somministrati per via orale per 8-12 settimane, portano alla guarigione in oltre del 95% dei casi, senza effetti collaterali di rilievo.

Come si svolge il test per Hcv?

E' un test sierologico per la ricerca di anticorpi anti-Hcv eseguito su prelievo ematico. Se il test risulta positivo, il laboratorio eseguirà immediatamente sullo stesso campione un test di conferma (la ricerca dell'Hcv Rna o dell'antigene Hcv-Hcv Ag). Se il test risulterà negativo, l'esito verrà inviato con lettera personalizzata all'interessato. In caso di confermata positività, l'assistito sarà contattato telefonicamente e la consegna del risultato dovrà avvenire previo colloquio con il personale sanitario, durante il quale saranno fornite le informazioni necessarie per l'eventuale trattamento e per le misure di prevenzione, indicando le strutture di presa in carico presso un centro specializzato per proseguire gli accertamenti diagnostici (stadiazione della patologia) e avviare prima possibile l'opportuna terapia.

Link per approfondire:

Credits
copyright 2008 - 2022 Asl 3 - C.F e P.IVA 03399650104
privacy sito
w3c logo